Il Diario di Anami: l’importanza della scrittura nei percorsi di crescita personale

Anche voi come me da bambini tenevate un quadernetto, il famoso “diario segreto”?
Nel mio, dubbi, paure e sentimenti hanno sempre trovato il posto giusto per essere custoditi. Scrivere un diario segreto è sempre stato un mezzo straordinario per stare bene, un “posto” dove i problemi, la felicità e l’anima di ciascuno di noi prendevano forma, sin da bambini.

diario

Anche da grandi credo vi sia capitato che, dopo una discussione con il vostro partner, il tramite per un riavvicinamento è proprio quel pezzetto di carta, scritto di pugno, fatto trovare sul comodino accanto al letto o appeso al frigo.

Da grandi non sempre si continua a scrivere un diario e tante volte non si riesce ad esprimere i propri sentimenti e i pensieri all’altra persona attraverso la parola. Per questo la scrittura è da sempre uno strumento indispensabile che permette di entrare in contatto con il proprio io e soprattutto aiuta a prendere coscienza di ciò che si prova e si vive

In Anami, forti di questa certezza, abbiamo deciso che il diario di bordo della coppia era uno strumento fondamentale. Uno spazio dove scrivere le proprie emozioni, dove confrontarsi, dove annotare i piccoli grandi traguardi raggiunti insieme.

Intervista a Sara Fabiani

Qualche giorno fa, nel nostro profilo Instagram anami_percorsidicoppia, abbiamo intervistato in diretta @sarafabianiscrive per parlare del suo metodo di “Scrittura Emotiva Intuitiva” e confrontarci sull’utilizzo di un diario di coppia come strumento di crescita consapevole 

Sara Fabiani, mentore di scrittura emotiva intuitiva, ha fatto della scrittura il proprio lavoro, e ha compreso per la prima volta l’importanza di questo strumento a soli 17 anni. 

“A 17 anni la scrittura mi ha aiutata a districare quella matassa di confusione. Ho cominciato e scrivere inizialmente parole, per arrivare poi alla poesia che mi ricorda proprio l’essenza della scrittura. Sentivo proprio il bisogno di intraprendere un percorso, in primis con me stessa”

La scrittura può essere uno strumento fondamentale di crescita. L’atto stesso di trascrivere su un foglio il proprio stato d’animo corrisponde alla presa di consapevolezza delle nostre emozioni e degli stati pscoficisi di benessere e/o malessere. 

Scrittura Emotiva Intuitiva

scrivere un diario

Abbiamo chiesto a Sara di far luce sul suo metodo:

 “Il metodo di Scrittura Emotiva Intuitiva è nato con l’idea di unire il mio amore per la scrittura e la mia ipersensibilità.

Si basa sulla capacità di ascolto delle nostre emozioni e su quelle, direi quasi magiche, intuizioni di noi che riusciamo ad avere proprio attraverso la scrittura.

Quando scriviamo ci diamo del tempo, annotiamo le nostre riflessioni e i nostri pensieri ci ricordano che siamo anche insegnanti di noi stessi. Non a caso le iniziali di scrittura emotiva intuitiva formano la parola SEI e questo mi ricorda la presenza, perchè noi siamo parte attiva.

Con la scrittura tiriamo fuori l’emotività e la portiamo nella nostra realtà tangibile, che alla fine è quello che fa la differenza

Scrivere un diario: perché scrivere, a mano?

diario scrittura

Oggi l’avvento della tecnologia, ci ha fatto un po’ perdere quella sensazione dello scrivere a mano, quella percezione dello scorrere fluido e veloce dell’inchiostro sul foglio. Da questa riflessione è nata spontanea la domanda: “Quindi Sara, perché è importante avere un diario e scrivere a mano?”

La scrittura manuale ci permette di fermare il tempo, di riconoscere i passi fatti, i limiti superati.  È proprio il diario di bordo delle nostre trasformazioni, della nostra grafia. Avere un quaderno, ci permette di aprire un mondo di emozioni, di sfumature, di essenza. Quando scriviamo ci diamo il giusto tempo e le nostre emozioni, i pensieri e i sentimenti prendono forma… e questo ci fa prendere consapevolezza di noi stessi”

Spesso oggi, andiamo di corsa e il fatto stesso di vedere pagine piene di inchiostro ci fa rendere conto di quanta strada abbiamo fatto. Lo scrivere solo con la tastiera ci porta invece  ad andare, senza mai fermarci.”

Il Diario di Anami

diario scrittura

Il Diario di Anami serve proprio a questo, a fermare il tempo, insieme. Ascoltarsi come singoli e come coppia, raccogliere le percezioni e il sentire dopo ogni passo.  Scrivere un diario permette anche, alla fine, di rivedere e percepire tutti i passi, i traguardi raggiunti.

Il Diario di Anami è pieno di frasi, ispirazioni esercizi guidati e molte pagine bianche. Sarà il vostro fedele amico, quel posto nel quale concedervi il lusso del tempo per sentire, percepire voi stessi, l’anima del singolo e quella della coppia.

Alla fine dell’intervista, abbiamo chiesto a Sara proprio come fa la scrittura, oltre che ad essere veicolo di comprensione di noi stessi, a diventare un potente strumento per dialogare con l’altro:

Scriviamo per noi stessi, ma è un modo per entrare in contatto anche con l’altro. Le parole evocano quello che la voce ha più difficoltà ad esprimere e non sono sempre comprese.

È come se due mondi con la scrittura si unissero, e da questa unione fuoriuscissero chiare tutte le emozioni, spesso nascoste.”

Grazie Sara per aver condiviso in Anami la tua esperienza e la tua testimonianza.

E noi vi aspettiamo per intraprendere insieme un percorso di crescita in compagnia del vostro Diario.

Scoprilo nel primo percorso di Anami, 4 semi!

Related Posts

Lascia un commento